Tu sei qui

PNRR – A che punto siamo

L’Unione europea è intervenuta in aiuto degli Stati membri per la ripresa post pandemica con il Next Generation EU (NG-EU). Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) “Italia domani” è il documento presentato dall’Italia per accedere ai fondi del Dispositivo per la Recovery and Resilience Facility (RRF), strumento chiave del NG-EU. In questa prospettiva, il Ministero della Transizione ecologica si propone di accelerare l’innovazione e rendere il Paese leader della transizione ecologica.

Gli obiettivi generali del MiTE sono:

  • rendere l’Italia più resiliente ai cambiamenti climatici;
  • rendere il sistema italiano più sostenibile nel lungo termine garantendone la competitività;
  • sviluppare una leadership internazionale e di knowledge nelle principali filiere della transizione;
  • assicurare una transizione inclusiva ed equa, massimizzando i livelli occupazionali, con particolare riferimento alle donne e ai giovani, e contribuendo alla riduzione del divario territoriale;
  • aumentare consapevolezza e cultura su sfide e tematiche ambientali.

Per raggiungere questi target il Ministero della Transizione ecologica ha a disposizione il 37% di tutte le risorse previste nel pacchetto di investimenti e riforme del PNRR. L’azione del MiTE si concentra prevalentemente nella Missione 2, ma l’attività riguarderà anche le Missioni 1 e 3.

Nello specifico, il Ministero ha portato a termine i seguenti obiettivi relativi alle differenti Missioni.

 

MISSIONE 2 (M2) Rivoluzione verde e transizione ecologica

La Missione 2 del PNRR, “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, si prefigge l’obiettivo di colmare le lacune strutturali che ostacolano il raggiungimento di un nuovo e migliore equilibrio fra natura, sistemi alimentari, biodiversità e circolarità delle risorse, in linea con gli obiettivi del Piano d’azione per l’economia circolare varato dall’Unione europea nel marzo del 2020. La Missione si articola in quattro diverse  Componenti.

 

Componente 1

L’obiettivo della prima Componente (Agricoltura sostenibile ed economia circolare) è quello di migliorare la gestione dei rifiuti attraverso il rafforzamento e lo sviluppo di fliere circolari. A questo scopo, gli investimenti previsti sono mirati alla infrastrutturazione e digitalizzazione della raccolta differenziata, alla realizzazione di nuovi impianti per il riciclo e la valorizzazione delle frazioni provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti urbani, allo sviluppo tecnologico di filiere industriali strategiche per il raggiungimento degli obiettivi comunitari di riciclaggio e di decarbonizzazione (carta e cartone, plastiche, tessile, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche). Viene inoltre sviluppata una filiera agricola/alimentare smart e sostenibile, riducendo l’impatto ambientale in una delle eccellenze italiane, tramite supply chain “verdi”. In tema di economia circolare sono stati pubblicati gli avvisi pubblici relativi alle due linee di investimento (1.1 e 1.2), una destinata agli Enti di Governo degli Ambiti Territoriali Ottimali (EGATO) operativi e ai Comuni, per un ammontare di 1,5 miliardi di euro; l’altra, da 600 milioni di euro, destinata alle imprese per rafforzare e implementare le filiere industriali strategiche e sopperire alla scarsità di materie prime.

A supporto degli investimenti sono state previste tre riforme: l’adozione della Strategia nazionale per l’Economia Circolare (SEC), aggiornamento del documento programmatico approvato nel 2017, l’adozione del Programma Nazionale Rifiuti di cui all’art. 198bis del Dlgs 152/2006 e il supporto tecnico amministrativo alle autorità territoriali (regioni e comuni) per l’attuazione delle misure. Il 30 novembre u.s. si è conclusa la consultazione pubblica sulla SEC (avviata il 30 settembre) che ha visto una grandissima partecipazione dgli stakeholder. I contributi ricevuti andranno ad arricchire ed integrare il documento posto in consultazione, ai fini dell’approvazione della Strategia entro il 30.06.2022. È stato inoltre inviato alle autorità competenti il rapporto preliminare di Valutazione Ambientale Strategica per il Programma Nazionale Rifiuti ai fini dell’avvio della consultazione pubblica prevista dalla procedura. Il supporto tecnico alle amministrazioni territoriali è stato attivato attraverso il rafforzamento delle progettualità già avviate da Invitalia e Sogesid. In tal senso di particolare rilievo sono le azioni coordinate con il MITE avviate da ANCI, Utilitalia, Confindustria e CONAI per supportare i destinatari delle misure nella concreta attuazione.

L’ investimento 3.1, della componente 1, denominato “Isole Verdi” per 200 milioni di euro, si concentra  su aree specifiche e caratterizzate da un elevato potenziale di miglioramento in termini ambientali ed energetici. Il programma coinvolge 19 piccole isole che saranno il “laboratorio” per lo sviluppo di modelli “100 per cento green” e auto-sufficienti. Gli interventi, specifici per ciascuna isola, interesseranno la rete elettrica e le relative infrastrutture per garantire la continuità e la sicurezza delle forniture e facilitare l'integrazione di fonti rinnovabili, ma procederanno procedendo secondo una logica integrata di gestione efficiente delle risorse.

 

Componente 2

La seconda Componente, “Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile”, ha come obiettivo quello di contribuire al raggiungimento degli obiettivi strategici di decarbonizzazione attraverso importanti linee di riforme e investimenti, incrementando la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili, potenziare e digitalizzare le infrastrutture di rete, promuovere la produzione, la distribuzione e gli usi finali dell’idrogeno, incentivare la crescita di un trasporto locale più sostenibile e sviluppare nel nostro Paese catene di fornitura competitive nelle aree a maggior crescita che consentano di ridurre la dipendenza da importazioni di tecnologie ed anzi di farne motore di occupazione e crescita.

Va in questo senso il lavoro che il Ministero ha avviato, aprendo diversi tavoli di confronto: con i sindacati, inaugurato dal Ministro stesso, per massimizzare gli effetti positivi su occupazione e crescita del Piano; con le Regioni, alle quali saranno affidate specifiche misure fra le quali  le “Comunità energetiche e autoconsumo collettivo” (Investimento 1.2, del valore di 2,2 miliardi di euro) e le “Hydrogen valleys” (Investimento 3.1, del valore di 500 milioni di euro), che sono protagoniste fondamentali di molte riforme, a partire dalle aree idonee per le rinnovabili, e dell’attuazione per colmare i gap territoriali (40% dei fondi destinati al Sud); e tavoli di confronto e di lavoro, infine, con gli operatori economici, imprese, associazioni di settore come quelle interessate alla produzione di biometano (Investimento1.4, del valore di 1,9 miliardi di euro), per le reti elettriche (4,1 miliardi per il rafforzamento delle smart grid e per la resilienza climatica delle reti stesse) e sull’idrogeno (500 milioni per la produzione in siti dismessi, 2 miliardi per l’uso dell’idrogeno peri settori difficili da decarbonizzare, 160 milioni per ricerca e sviluppo a cui si sommano ulteriori 450 milioni per lo sviluppo di una leadership internazionale).

Per quanto riguarda invece la riforma del quadro normativo e delle semplificazioni per le rinnovabili e, in particolare, per il biometano (M2C2) è stata recepita la direttiva RED2, con il decreto legislativo 199/2021, testo che comprende molte innovazioni per le rinnovabili elettriche e il nuovo quadro normativo per biometano, che sarà poi completato con un decreto attuativo sul regime di sostegno in dirittura d’arrivo. Sul biometano sono previste risorse per 1,9 miliardi di euro (Investimento 1.4).

 

Componente 3

La terza Componente, “Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici”, si pone l’obiettivo specifico di agire su una filiera particolarmente strategica.  Fra le misure che la compongono, oltre alla riduzione dei consumi, da cui consegue l’abbattimento delle emissioni di CO2, è significativo anche il riferimento all’esposizione al rischio sismico del nostro Paese e al miglioramento delle condizioni abitati dei cittadini, alleviando fra le altre cose la povertà energetica.

Molto importante per tutto il comparto è stata, quindi, la proroga per i cosiddetti Superecobonus e Sismabonus per l’efficientamento energetico e sismico per l’edilizia residenziale privata e pubblica. Attraverso l’Investimento 2.1 il MiTE ha infatti stanziato 13,950 miliardi di euro.

 

Componente 4

La quarta Componente, “Tutela del territorio e della risorsa idrica”, si prefigge di mettere in campo le azioni necessarie per rendere il Paese più resiliente agli effetti dei cambiamenti climatici, proteggendo la natura e le biodiversità. Nell’ambito di questa il MiTE ha concluso quattro differenti investimenti.

Il primo relativo alla tutela e alla valorizzazione del verde urbano ed extraurbano (Investimento 3.1) per il quale sono disponibili 330 milioni di euro con i quali saranno messi a dimora 6,6 milioni di alberi su una superficie di 6.600 ettari, con l’obiettivo di preservare e valorizzare la biodiversità diffusa, in linea con la strategia europea per la biodiversità, di contribuire alla riduzione dell'inquinamento atmosferico nelle aree metropolitane e del numero delle procedure di infrazione in materia di qualità dell'aria, di recuperare i paesaggi antropici e migliorare le aree protette presenti nelle immediate vicinanze delle aree metropolitane e arginare il consumo di suolo e ripristinare i suoli utili.

Altro investimento, del valore di 360 milioni di euro, è quello relativo alla “Rinaturazione dell’area del Po” (Investimento 3.3), che coinvolge gli enti pubblici interessati di Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. Il progetto si prefigge l’obiettivo di intervenire per il miglioramento dell’ecosistema fluviale, della navigazione, della sicurezza e della qualità della vita per chi vive in quelle zone o le visita come turista attraverso la riqualificazione, la riattivazione e la riapertura di lanche e rami abbandonati, la riduzione dell'artificialità dell'alveo e, in particolare, l’adeguamento dei “pennelli”, la riforestazione diffusa naturalistica e il contenimento di specie vegetali alloctone invasive.

Il MiTE ha avviato anche l’Investimento 3.4, relativo alla “bonifica dei siti orfani”, per i quali sono previsti dal PNRR 500 milioni di euro. La Direzione generale competente con Decreto del 22 novembre 2021, ha, infatti, approvato l’elenco dei siti orfani da riqualificare e i singoli siti; i correlati interventi da realizzare per la riqualificazione degli stessi saranno definiti nel Piano d’azione, di cui all’articolo 17 del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152 (Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose).

È stato inoltre approvato, d’intesa con il Dipartimento di Protezione Civile, con Decreto del Ministro del 30 settembre 2021 il piano operativo relativo all’investimento 1.1. della componente per la realizzazione di un “Sistema avanzato ed integrato di monitoraggio e previsione”. L’obiettivo dell’investimento, da 500 milioni di euro, è quello di sviluppare un sistema di sorveglianza/monitoraggio integrato, a lungo termine, per mettere in atto sia misure preventive (manutenzione programmata del territorio e manutenzione/ammodernamento delle infrastrutture), sia interventi mirati a prevenire l’illecito conferimento di rifiuti, gli incendi e a ottimizzare l’uso delle risorse e la gestione delle emergenze.

Con la firma del protocollo d’intesa con l’Ispra è stato la Direzione generale MAC ha avviato le fasi di attuazione  dell’investimento 3.5, per il ripristino e la tutela dei fondali e degli habitat marini che prevede 400 milioni di euro per interventi a favore dell’economia blu sostenibile. L’investimento contempla interventi su vasta scala per invertire la tendenza al degrado degli ecosistemi del Mediterraneo e favorire il mantenimento e la sostenibilità di attività fondamentali non solo per le zone costiere ma anche per le filiere produttive essenziali come quelle della pesca, del turismo e dell’economia blu sostenibile. Il protocollo d’intesa contribuisce a definire una strategia comune per il raggiungimento degli obiettivi del progetto attraverso la realizzazione di sistemi di osservazione degli ecosistemi marini e marino-costieri, la mappatura delle praterie di Posidonia e degli habitat di interesse comunitario, l’attività di ripristino ecologico dei fondali e degli habitat marini, a cui seguirà l’attuazione delle misure di tutela.

 

MISSIONE 3 (M3) Infrastrutture per una mobilità sostenibile

La Missione 3 del PNRR, “Infrastrutture per una mobilità sostenibile”, mira a rendere, entro il 2026, il sistema infrastrutturale più moderno, digitale e sostenibile, in grado di rispondere alla sfida della decarbonizzazione indicata dall’Unione Europea con le strategie connesse allo European Green Deal (in particolare la “strategia per la mobilità intelligente e sostenibile”, pubblicata il 9 Dicembre 2020) e di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile individuati dall’agenda 2030 delle Nazioni Unite. Il MiTE si impegna a operare nella seconda componente, “Intermodalità e logistica integrata”, che prevede interventi a supporto dell’ammodernamento e della digitalizzazione del sistema della logistica ed in particolare per l’efficientamento energetico del settore portuale.

A questo proposito, nelle scorse settimane, il MiTE ha pubblicato l’avviso pubblico di manifestazione di interesse per la formulazione di proposte progettuali relativo ai Porti verdi (Green Ports) (Investimento 1.1), che prevede una spesa complessiva di 270 milioni di euro. L’obiettivo è quello di finanziare interventi per l’efficientamento energetico, la riduzione delle emissioni di CO2 e di altre emissioni inquinanti nei porti per promuovere la sostenibilità ambientale delle attività portuali, anche a beneficio delle aree urbane circostanti. Il progetto si basa sui Documenti energetico-ambientali dei sistemi portuali (DEASP) che le Autorità di sistema portuale hanno redatto, secondo le linee guida messe a punto dal MiTE di concerto con il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile (MIMS), allo scopo di migliorare l'efficienza energetica e promuovere l'utilizzo di energia da fonti rinnovabili.

 

 

Ultimo aggiornamento 23.12.2021

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.