Tu sei qui

Parchi, MiTE: "Confermiamo che il programma «Parchi per il Clima» va avanti"

Roma, 7 luglio 2021 - “Il Ministero della Transizione Ecologica (MiTE) ha emesso il bando Parchi per il clima 2021 il 14 giugno scorso. E ha stanziato 80 milioni per la realizzazione delle attività correlate a valere sui fondi delle aste ETS. Questa cifra, essendo già impegnata, non può quindi essere stornata. Per la copertura del decreto legge 99 del 30 giugno recante “Misure urgenti in materia fiscale, di tutela del lavoro, dei consumatori e di sostegno alle imprese”, detto salva bollette, il Mite ha invece dato la disponibilità dei fondi provenienti dalle aste ETS *non ancora impegnati*. Pertanto è evidente che nella scrittura delle norme di copertura non si è tenuto conto che i fondi del relativo bando Parchi per il clima non erano utilizzabili. Si è trattato quindi di un errore formale per il quale siamo sicuri che verrà posto rimedio il prima possibile”. 
Così il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani. 
“Non abbiamo alcuna intenzione di far toccare i fondi per i parchi, che sono scrigno di biodiversità, necessitano anzi di essere valorizzati nel solco dello sviluppo sostenibile”. 
“II programma Parchi per il Clima resta finanziato con la sua dotazione originaria e non potrebbe essere diversamente, data la grande rilevanza delle attività collegate e il ruolo centrale delle aree protette nella lotta agli sconvolgimenti climatici e nell’impegno comune per la transizione ecologica”, dichiara la sottosegretaria al Mite Ilaria Fontana, che ha la delega ai parchi.