Tu sei qui

S’intensificano gli appuntamenti verso la COP26, la conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow che si svolgerà dal primo al 12 novembre 2021

Una serie di eventi internazionali di alto livello svolti di recente o in programma nei prossimi mesi stanno contribuendo alla preparazione della Conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow (COP 26) che si svolgerà fra meno di 6 mesi, dal primo al 12 novembre 2021.

Il 23 marzo 2021, la Cina, la Commissione Europea e il Canada hanno co-convocato la quinta sessione del Ministerial on Climate Action (MoCA). L'evento virtuale ha riunito i ministri dei paesi del Gruppo dei 20 (G20) e altri soggetti coinvolti ed è stata la prima riunione ministeriale dell'anno incentrata sull'azione internazionale per il clima in vista della COP 26.

Le discussioni si sono incentrate su come migliorare l'ambizione globale promuovendo la cooperazione e la solidarietà globali e sulla comprensione delle sfide e delle opportunità specifiche per paese in vista di una uscita della crisi Covid 19 che sia a bassa emissione di carbonio, resiliente e sostenibile.

In questa occasione, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha sottolineato che "tutti i paesi, le aziende, le città e le istituzioni finanziarie devono impegnarsi per la neutralità climatica con piani chiari e credibili". Guteress ha esortato i partecipanti a raggiungere nuovi risultati sull'adattamento, la finanza e la fine del carbone e ha incoraggiato i paesi a "andare avanti immediatamente con negoziati virtuali".

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha convocato il Leaders Summit on Climate, che si è svolto dal 22 al 23 aprile 2021. L'evento virtuale ha riunito 40 leader mondiali, nonché stakeholder di organizzazioni internazionali, imprese, governi subnazionali, comunità indigene e giovani, per "galvanizzare gli sforzi" delle principali economie mondiali per affrontare il cambiamento climatico, sottolineare i vantaggi economici di un'azione precoce e "decisiva" e catalizzare la cooperazione globale e l'ambizione di "aumentare le possibilità di risultati significativi" alla COP 26.

Tra le azioni concordate vi sono: stimolare gli sforzi delle principali economie mondiali per ridurre le emissioni entro il 2030 per mantenere l'obiettivo di 1,5° C di temperatura "a portata di mano"; mobilitare i finanziamenti del settore pubblico e privato per guidare la transizione verso la neutralità climatica e per aiutare i paesi vulnerabili a far fronte agli impatti climatici; creare posti di lavoro per garantire che tutti i lavoratori traggano vantaggio dalla transizione verso un'economia basata sull'energia pulita.

Ecco alcuni impegni specifici.

• Gli Stati Uniti hanno presentato il loro obiettivo di ridurre le emissioni del 50-52% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, il che si riflette anche nel NDC (Contributo determinato a livello nazionale) che gli Stati Uniti hanno presentato all'UNFCCC il 21 aprile 2021, dopo aver aderito all'Accordo di Parigi. Gli Stati Uniti hanno anche annunciato una serie di impegni per creare posti di lavoro, mobilitare finanziamenti,stimolare innovazioni trasformative, preservare la natura, costruire resilienza, rafforzare l'adattamento e guidare la crescita economica per le comunità.

• Il Giappone ha aumentato il suo precedente obiettivo di ridurre le emissioni dal 26% al 46-50% rispetto ai livelli del 2013 entro il 2030, "con forti sforzi per ottenere una riduzione del 50%".

• Il Canada ha aumentato il suo precedente obiettivo di ridurre le emissioni dal 30% al 40-45% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030.

• L'Argentina rafforzerà il suo NDC, dispiegherà più energie rinnovabili, ridurrà le emissioni di metano e metterà fine alla deforestazione illegale.

• Il Regno Unito adotterà per legge l’obiettivo della riduzione del 78% dei gas serra al di sotto dei livelli del 1990 entro il 2035.

• L'UE sta adottando una legge con l’obiettivo di riduzione delle emissioni nette di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 e un obiettivo netto zero entro il 2050.

• La Repubblica di Corea, che ospiterà il vertice di Seul P4G del 2021 a maggio, non effettuerà più finanziamenti a fonti fossili all’estero e rafforzerà il suo NDC per essere coerente con il suo obiettivo di neutralità climatica al 2050.

• La Cina aderirà all'Emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono, rafforzerà il controllo dei gas serra non CO2, controllerà rigorosamente i progetti di generazione di energia a carbone e ridurrà gradualmente il consumo di carbone.

• Il Brasile si è impegnato a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, a porre fine alla deforestazione illegale entro il 2030 e a raddoppiare i finanziamenti per l'applicazione della deforestazione.

• Il Sudafrica rafforzerà il proprio NDC e sposterà il picco di emissioni previsto di dieci anni prima al 2025.

• La Federazione Russa farà ricorso a una collaborazione internazionale per affrontare il problema del metano.

Circa 40 ministri di tutto il mondo hanno partecipato al Dodicesimo dialogo sul clima di Petersberg, tenutosi il 6 e 7 maggio 2021, tramite videoconferenza. L'evento si è concentrato sui preparativi politici per la conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow. I partecipanti hanno lanciato un appello a "rendere la COP 26 un successo e a concludere i negoziati su tutti gli aspetti irrisolti del regolamento dell'Accordo di Parigi".

La prossima tappa nella preparazione della Conferenza di Glasgow sarà il vertice di Seoul P4G del 2021, in programma dal 30 al 31 maggio 2021, a Seul, nella Repubblica di Corea. Il vertice si concentrerà sul tema "Ripresa verde e inclusiva verso la neutralità climatica". La Dichiarazione di Seoul, che dovrebbe scaturire dal vertice, cercherà di contribuire ad a" prossimo “Decennio di azione”.

 

 

Ultimo aggiornamento 18.05.2021

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.