La Convenzione di Aarhus sancisce che chiunque può accedere alle informazioni sull’ambiente: questo vuol dire che qualsiasi persona, fisica o giuridica, ha il diritto di chiedere e ottenere un’informazione senza bisogno di dimostrare uno specifico interesse o una specifica ragione in relazione alla propria richiesta.

Il concetto di ‘informazione ambientale’ è inoltre inteso in un senso estremamente ampio, trattandosi di ‘qualsiasi informazione disponibile in forma scritta, visiva, sonora, elettronica o in qualunque altra forma materiale, con riferimento a:

  • gli elementi dell’ambiente (ad esempio, aria, acqua, suolo, ecc.);
  • i fattori, le misure, le attività che hanno un impatto su tali elementi (ad esempio disposizioni legislative, piani, programmi);
  • lo stato di salute e le condizioni di vita delle persone.

Per garantire l’accesso alle informazioni, l’autorità pubblica è tenuta non solo a svolgere un ruolo passivo, assicurando la trasparenza dei dati a propria disposizione, ma anche un ruolo attivo, mobilitandosi per favorire la raccolta, l’aggiornamento e la diffusione delle informazioni. Attività di orientamento, campagne di sensibilizzazione ed educazione ambientale, banche dati elettroniche, registri, inventari, rapporti sullo stato dell’ambiente sono alcuni degli strumenti da utilizzare a questo scopo.

Il rispetto di tempi certi dona concretezza ed efficacia al diritto di accesso alle informazioni. L’autorità pubblica è tenuta a fornire le informazioni richieste entro un mese dalla domanda (per i casi particolarmente complessi è prevista una possibile proroga non più lunga di 30 giorni).

Se l’autorità pubblica non dispone delle informazioni dovrà indicare al richiedente l’altra autorità pubblica a cui rivolgersi o inoltrare direttamente la richiesta a tale autorità.

La richiesta di informazioni può essere respinta se la domanda:

  • è chiaramente irragionevole o troppo generica;
  • riguarda documenti la cui elaborazione è ancora in corso;
  • pregiudica il superiore interesse nazionale (ad esempio le relazioni internazionali, la difesa nazionale o la pubblica sicurezza).

I motivi di diniego devono tuttavia essere sempre interpretati in modo restrittivo tenendo conto dell’interesse pubblico alla diffusione dell’informazione. Il diniego deve, inoltre, essere sempre motivato.

DOCUMENTI UTILI

 

Ultimo aggiornamento 07.07.2016

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.