Tu sei qui

Glasgow - Il ruolo dei giovani è uno dei risultati della Cop26

 

La Cop26 di Glasgow si è aperta nel segno dei giovani e nel segno dei giovani si è conclusa. Le raccomandazioni e le proposte contenute nello “Youth4Climate Manifesto” sono state discusse non solo in alcuni incontri ad hoc ma anche rilanciate da diverse esponenti nazionali e internazionali in plenaria. Fondamentale è stata la collaborazione, durante le due settimane di intenso lavoro nella città scozzese, con la presidenza britannica, l’UNFCCC e gli altri attori chiave delle politiche climatiche.

Il 5 novembre, in occasione della “Giornata della gioventù e dell'emancipazione pubblica”, è stato organizzato un dialogo tra giovani, ministri di diversi paesi, in cui è stato presentato il Manifesto.

Questo come altri incontri hanno permesso di costruire una vera e propria partnership multigenerazionale che ha portato ai primi risultati significativi e ha avuto un forte impatto sugli esiti della COP26.

 

Il Glasgow Climate Pact, contiene un apprezzamento per l’evento “Youth4Climate: Driving Ambition” di Milano e sollecita tutte le parti interessate a continuare a lavorare nella direzione del protagonismo delle giovani generazioni nelle azioni per il clima. Le future presidenze delle Conferenze delle Parti, con il sostegno del Segretariato UNFCCC, sono invitate a facilitare l'organizzazione di un Forum sul clima guidato dai giovani con lo scopo di proseguire e rafforzare il dialogo tra gli stati, le organizzazioni internazionali e i giovani, allo scopo di contribuire all'attuazione del programma di lavoro di Glasgow sul clima.

In secondo luogo, nell’ambito della decisione relativa al Glasgow Programma “Action for Climate Empowerment” ,si registrano alcuni elementi significativi che vanno nella direzione delle richieste avanzate dai giovani sull'educazione e il percorso verso una società più consapevole delle sfide climatiche:

  • viene riconosciuto il crescente interesse e l’impegno dei giovani nell'azione per il clima e il ruolo fondamentale che essi svolgono come agenti di cambiamento, anche se è necessario un ulteriore rafforzamento della partecipazione dei giovani ai processi di gestione del cambiamento climatico e allo sviluppare il potenziale di Action for Climate Empowerment;
  •  si incoraggiano le Parti a sostenere e rafforzare la capacità dei giovani di intraprendere e guidare l'attuazione dell'ACE e di promuovere la loro partecipazione ai processi decisionali a livello nazionale e internazionale, compresa la partecipazione nelle delegazioni nazionali alle riunioni dell'UNFCCC;
  • si richiede che il prossimo incontro del nuovo programma di lavoro, in programma nel giugno 2022 a Bonn, sia incentrato sull'impegno dei ragazzi e dei giovani nell'attuazione delle quattro aree prioritarie del programma di lavoro di Glasgow: coerenza delle politiche; azione coordinata; strumenti e supporto; monitoraggio, valutazione e rendicontazione;
  • si incoraggiano tutte le parti interessate a collaborare, promuovere, facilitare, sviluppare e attuare programmi di istruzione e formazione (formali e non formali) incentrati sui cambiamenti climatici a tutti i livelli, mirando in particolare al coinvolgimento delle donne e dei giovani, anche attraverso l'organizzazione di scambi o distacchi di personale per la formazione di esperti.
Ultimo aggiornamento 19.11.2021

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.