Tu sei qui

Acqua: il 25 novembre la Conferenza di metà periodo dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume

Un appuntamento necessario a discutere sulle migliori metodologie gestionali da perseguire per favorire l’integrazione di misure strutturali e misure non strutturali nella governance dei bacini idrografici

Con il titolo ‘La Governance dei Contratti di Fiume per una gestione integrata e partecipata dei bacini idrografici in Italia’ si terrà il 25 novembre 2021 la Conferenza di metà periodo dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume.

Si tratta di un appuntamento necessario a discutere sulle migliori metodologie gestionali da perseguire per favorire l’integrazione di misure strutturali e misure non strutturali nella governance dei bacini idrografici.

In questi ultimi anni, sia su scala europea che nazionale, stiamo assistendo ad un progressivo cambiamento di orientamento delle politiche ambientali. Le direttive europee sulle acque hanno allargato il paniere delle opzioni nella governance e sta emergendo sempre più la necessità di rinforzare le politiche di gestione delle acque e dei bacini idrografici con nuovi strumenti e approcci, che richiedono forme di gestione partecipata e che possano favorire il coinvolgimento di diversi attori territoriali, superando approcci di pianificazione specialistica di settore.

I Contratti di Fiume (CdF) rappresentano luoghi di elezione per portare avanti questi approcci. Facilitano l’integrazione delle politiche - a livello di bacino e sottobacino - sia verticale (dai Piani settoriali ai Piani di governo del territorio), sia orizzontale, in una logica di partenariato tra soggetti pubblici e privati. Permettono inoltre di favorire i processi di sensibilizzazione ed educazione ambientale dei diversi attori, accelerando il cambiamento culturale necessario per attuare le politiche delle acque del terzo millennio. La Conferenza di metà periodo dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume (ONCdF), oltre che presentare i risultati raggiunti e le attività svolte finora nell’ambito del progetto CReIAMO PA, si pone l’obiettivo di fornire un quadro generale sulle potenzialità dei CdF italiani, favorire il confronto sulle sfide future e sollecitare riflessioni su come una appropriata governance integrata e partecipata possa garantire l’implementazione di politiche innovative in materia di gestione delle acque e del territorio.

Per partecipare all'evento: Iscrizione

Consulta il Programma dell'incontro