Tu sei qui

Attuazione delle Direttive comunitarie in materia di acque e alluvioni: verso una gestione integrata del territorio.

Il ruolo del Ministero della Transizione Ecologica

Il Ministero della Transizione Ecologica continua il percorso già avviato per armonizzare le Direttive 2000/60/CE (Direttiva Quadro Acque) e 2007/60/CE (Direttiva Alluvioni c.d. “figlia”) finalizzate, rispettivamente, al raggiungimento in ambito comunitario di uno stato ecologico delle acque “buono” ed alla “gestione” del rischio di alluvioni.

Il terzo ciclo di aggiornamento dei Piani di Gestione dei Distretti Idrografici (PGA) previsti dalla Direttiva Quadro Acque ed il secondo ciclo dei Piani di Gestione del Rischio Alluvioni (PGRA) previsti dalla Direttiva Alluvioni si concluderanno, nel rispetto della tempistica comunitaria, a dicembre 2021. Vanno in questa direzione le azioni attuate dal MiTE per recepire l’orientamento europeo.

Nell’ambito del proprio ruolo di indirizzo e coordinamento delle 7 Autorità di Bacino Distrettuali (Alpi Orientali, Po, Appennino Settentrionale, Appennino Centrale e Appennino Meridionale, Sicilia e Sardegna), alle quali è attribuita la governance della pianificazione distrettuale, il Ministero assicura per il tramite della Direzione Generale per la Sicurezza del Suolo e dell’Acqua (DG SUA),  lo scambio di informazioni e la realizzazione di sinergie fra i due strumenti di pianificazione, interfacciandosi anche con il Dipartimento della Protezione Civile e avvalendosi del supporto tecnico dell’ISPRA.

L’implementazione della Direttiva 2007/60/CE ha impegnato la Direzione Generale nel coordinare le attività delle competenti Autorità di bacino affinché:

a)  le informazioni contenute nelle Mappe di pericolosità e di rischio di alluvioni dei PGRA fossero omogenee a livello nazionale;

b) i PGRA fossero elaborati in coordinamento con i riesami dei PGA; 

c) la partecipazione del pubblico fosse svolta in maniera coordinata tra le due pianificazioni.

Le azioni della DG SUA, alcune delle quali ancora in corso, hanno consentito pertanto non solo un miglioramento del quadro della pianificazione su scala nazionale, ma anche l’avvio di una prospettiva di gestione integrata del territorio.

Nello specifico:

Nell’ambito dell’aggiornamento dei PGRA, disciplinati dalla Direttiva Alluvioni, la DG SUA ha coordinato le attività di redazione delle mappe prodotte dalle Autorità di Bacino Distrettuali. Ciò ha permesso di raggiungere l’importante risultato di avere un database geografico omogeneo a livello nazionale i cui dati sono pubblicati, quindi consultabili e scaricabili, sul Geoportale Nazionale: http://www.pcn.minambiente.it/mattm/direttiva-alluvioni/

Accedendo al geoportale è possibile:

Ricevere informazioni generali sulla Direttiva Alluvioni;
consultare da un unico accesso la documentazione relativa alla pianificazione ancora vigente PGRA 2016 (http://www.pcn.minambiente.it/mattm/pgra/) pubblicata sui siti delle Autorità di Bacino Distrettuali;
Accedere attraverso il tasto “Accesso alla cartografia della valutazione preliminare del rischio di alluvioni” al visualizzatore cartografico con i dati della valutazione preliminare relativa al secondo ciclo di pianificazione (2016-2021);
Scaricare i dati tramite client GIS dai servizi wfs (web feature service) http://www.pcn.minambiente.it/mattm/servizio-di-scaricamento-wfs/

Attualmente sono in corso di completamento le attività di aggiornamento della pagina web, per consentire un facile accesso alle Mappe di pericolosità e rischio di alluvioni dei PGRA 2021 redatte dalle Autorità di Bacino Distrettuali.

 

 

 

 

Aree 
Territorio
Acqua
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per la sicurezza del suolo e dell’acqua (SuA)