Tu sei qui

“All4climate”: c’è tempo fino al 15 giugno per proporre nuovi eventi in vista della Pre-COP

C’è ancora quasi un mese, il termine scade il 15 giugno, per presentare eventi da inserire nel cartellone “All4climate” che raccoglie iniziative da tutto il mondo in un’agenda di idee, progetti, manifestazioni in presenza e on line, sul tema dei cambiamenti climatici e che condurrà fino alla Pre-COP26 che si svolgerà a Milano dal 30 settembre al 2 ottobre.
Il programma è già in pieno svolgimento ma, ovviamente, gli appuntamenti si intensificheranno avvicinandosi alla data della Pre-COP a cui mancano ancora 4 mesi e mezzo.
Sono già oltre 160 gli eventi in programma ma c’è spazio e opportunità per inserirne di nuovi nell’ottica dell’iniziativa che vuol essere una forma di “azionariato popolare delle idee green”, e cioè proposte, suggerimenti, riflessioni, studi, provocazioni, buone pratiche che vengono dalla società civile e che vanno nella direzione della implementazione della cultura della sostenibilità ambientale.
Il programma “All4Climate”, lanciato dal Ministero per la Transizione Ecologica e da “Connect4climate” della World Bank con la partecipazione della Regione Lombardia e del Comune di Milano, punta ad aprire le porte del dibattito sul clima, coinvolgendo associazioni, enti, aziende, università, enti e sodalizi locali, indicando la disponibilità delle istituzioni nazionali e internazionali all’ascolto della voce delle comunità e delle esigenze che vengono dal basso in un tema come il surriscaldamento globale, che coinvolge certamente i governi e gli organismi sovranazionali, ma può soprattutto condizionare la vita di tutti gli abitanti della Terra, nessuno escluso.
Spazio quindi a tutte le proposte che possono validamente aggiungersi a quelle già in campo e che sono consultabili su https://all4climate2021.org/ , il sito del programma dove sono indicati, in italiano e in inglese tutti i dettagli delle varie iniziative e le modalità di partecipazione.

 

 

 

Aree 
Acqua
Aria
Natura
Territorio
Direzioni e divisioni di competenza 
Direzione generale per il clima, l’energia e l’aria (ClEA)